Home Film Cinèma Viva Pretoriani

Viva Pretoriani

Documentary
ITALY 2014
16'

viva sitoSi ritrovano in Piazza del Popolo.
È carnevale, un pesce dʼaprile. Mangiano un gelato.

Fuori dai ristoranti con i camerieri in livrea, pagano caro.

Alcuni hanno chiesto e ottenuto il rimborso dallo stato, da loro stessi.

Privilegi, Sacrifici, Cene dʼonore, Pranzi di rappresentanza.

Le sfingi sono le uniche testimoni attendibili, cariatidi dellʼeleganza romana. Ancora.

La prospettiva di Bernini, il potere del Papa sullo sfondo scenografato della porta Flaminia che guarda verso il nord, oltre le mura aureliane. Lʼobelisco dovrebbe essere il secondo testimone, con la sua serafica distanza mediorientale. Oppure il Nettuno, che dal suo angolo mantiene una certa dignità e a suo modo controlla le acque.

Lʼimpianto di segni piranesiano, la travolgente ondata di folla che crede nello sceriffo, si crede alla forza del personaggio, negli intrighi, il denaro, il piccolo capitalismo italiano in carne ed ossa, oppure no ? un fantasma come le altre sfingi, una statua, un nettuno, un obelisco ?

Il popolo è chiamato alle armi, le forche mediatiche che meglio attecchiscono nel periodo storico in cui si parla delle dittature mediatiche. Il pericolo è imminente, gli onorevoli si schierano – fisicamente – in difesa del paladino, del cristologico mentore tartassato dai meccanismi della giustizia, o dell'ingiustizia, come ama definirla l'intellighenzia che lui stesso ha cresciuto, istituito e sovvenzionato.

esempio di fascismo cinematografico a CinecittaUn'ingiustizia che trasfigura il divertimento in noia, che nega l'intrattenimento come forma di coesione e formazione, come valore. A pochi e a poco interessano i dettagli tecnici: il 23 marzo si scende in piazza contro la magistratura. In Piazza del Popolo sfila il Popolo delle Libertà, il gigante soffre e ha bisogno del sostegno dei suoi adepti.

Ricoverato in un ospedale di amici, attende e riflette sulla prossima mossa.
E intanto la piazza gremisce, scalpita, mentre attende.
Non è una richiesta di aiuto, il gigante sa sempre come rialzarsi.
Non è un urlo di dolore, il popolo è compatto e la crisi non esiste. Abbiamo vissuto per secoli senza sapere cosa fosse lo spread.

Non si grida la vendetta, l'insulto o il broglio.

Ma allora cos'è? Tifo.
Forza Uno, Abbasso l'Altro.

CREDITS

Regia: An absolutely Caucaso film
Soggetto: Stefano Migliore
Fotografia: Enrico Masi
Montaggio: Stefano Croci, Enrico Masi 
Audio presa diretta: Stefano Migliore
Produzione esecutiva: Erica Facchini
Colonna sonora: Zende Music
Ottiche: Bianchi
Graphic Poster: Agnieszka Blahuta

                        

PHOTO         

MINI venezuela

MINI il pugliaMINI piazza

     

TEASER


 

CAUCASO
via De'Poeti 1/6
Bologna, ITA
P.Iva 03474751207
+39 051 0950823

CAUCASO BERLIN
Auguststrasse 22 - Mitte
bei Galerie Jordan / Seydoux

contact@caucaso.info